Passa ai contenuti principali

RIPOSA IN PACE KOBE

RIPOSA IN PACE KOBE

Buonasera cari lettori, oggi voglio dedicare uno spazio ad un grande uomo che ci ha lasciato ieri: Kobe Bryant (23 agosto 1978 - 26 gennaio 2020). 


Non è molto tempo che ho sentito il desiderio di interessarmi al basket, eppure il nome di questo grande giocatore l'ho sentito più e più volte nel corso degli anni della mia adolescenza. Purtroppo non ho deciso di ispirarmi a lui quando ancora giocavo a calcio e sognavo di poter far diventare quello sport la mia prima ragione di vita. Oggi non gioco più a calcio, pratico karate e lo pratico senza obiettivi agonistici, anche perché effettivamente il karate non è nato come uno sport. Il karate è un'arte marziale anche se nel tempo è stata modificata fino a renderla una disciplina sportiva a tutti gli effetti. Ma non voglio perdermi in parole fuori contesto, ho voluto semplicemente fare questa parentesi perché anche se oggi non ho degli obiettivi sportivi penso che ispirarmi a questo grande sportivo possa giovare in generale alla mia vita. Lo sport è vita. 

Avrei potuto giocare a basket. Quando ero un ragazzino ho ricevuto più di una volta inviti a iniziare a praticare lo sport con la palla a spicchi, vista la mia altezza, ma avevo in testa un altro tipo di palla, quella da calciare con i piedi. Chissà, magari se avessi ascoltato i consigli di chi mi vedeva adatto al basket ti avrei conosciuto meglio, e prima, e avrei potuto ispirarmi alla tua "mamba mentality" e forse oggi sarei una persona diversa. Mi piace molto immaginare e sognare ma poi devo tornare con i piedi per terra, come mi diceva mio padre. 

Anche tu sei stato padre, e sono sicuro che le tre figlie rimaste porteranno per sempre con loro i tuoi insegnamenti. Purtroppo il destino ha voluto che ad accompagnarti in questo ultimo viaggio ci fosse anche una delle tue figlie, Gianna Maria che a tredici anni ha perso la vita insieme alla tua. Davanti ad una così grave tragedia l'unica immagine che mi può sollevare è quella di padre e figlia che giocano a pallacanestro lassù nel cielo o ovunque vi troviate ora. Sono vicino con il cuore ed il pensiero alla tua famiglia che sicuramente starà vivendo un momento molto difficile. Ma sono sicuro che tua moglie, Vanessa saprà rialzarsi insieme alle tre creature del vostro amore. 

Sei stato un grande esempio per tanti e persone come te saranno ricordate per sempre. 

Per salutarti ho deciso di condividere il cortometraggio d'animazione con il quale hai vinto un trofeo anche al di fuori dal campo da basket: "Dear Basketball" premiato con il Premio Oscar 2018 come miglior cortometraggio d'animazione. 

Questo bellissimo video che altro non è che il sunto delle lettere che scrivesti prima del tuo ritiro dal "giocato", penso che possa essere d'ispirazione per tutti i giovani che sognano di vivere delle proprie passioni ma anche  per i meno giovani che non hanno smesso di sognare. 



Grazie Kobe, non ho avuto modo di conoscerti di persona ma sento che mi ha lasciato un grande uomo, che sicuramente ricorderò nel corso della mia vita e al quale d'ora in poi cercherò di ispirarmi per diventare una persona migliore giorno dopo giorno 24 ore su 24 così come tu ti eri messo a disposizione dei tuoi compagni di squadra.

Buon viaggio K.B. 🏀

Alessandro Rebuscini



Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis