Passa ai contenuti principali

ITALIA: "IL BEL PAESE"

ITALIA:

"IL BEL PAESE"

Riflessione sul sentirsi orgogliosi di essere italiani.

Mappa d'Italia con dettagli di alcune tra le più importanti città della penisola. Mappa risalente al 1706 di Daniel De la Feuille.

Il giorno 24 agosto 2019, un sabato, mi sono recato insieme alla mia compagna e alle nostre rispettive madri a visitare un piccolo borgo distante circa 30 km dall'altrettanto piccolo paese nel quale vivo in provincia di Bergamo. In questo borgo, valutato come uno tra i più belli d'Italia, si teneva la giornata d'inaugurazione dell'annuale Mostra Mercato ormai giunta alla XXIX edizione. L'antico borgo medievale  in questione si chiama Bienno e si trova in media valle Camonica in provincia di Brescia. Durante questa mostra annuale questo piccolo paese caratteristico si trasforma in una bottega a cielo aperto nella quale più di duecento artisti ed artigiani mostrano al pubblico le loro opere, i loro prodotti ed intrattengono i passanti attraverso musiche, balli ed antichi mestieri tradizionali e popolari. Giungono a questo evento artisti da diverse parti d'Italia ma non solo, infatti vi sono anche persone che arrivano dall'estero per mostrare le loro arti. 

Passeggiando ed addentrandomi nei numerosi e suggestivi vicoli stretti fatti di pietre locali e adornati con antichi strumenti da lavoro realizzati in ferro dai mastri fabbri del luogo e guidato dal gioco di luci creato dalle candele che bruciavano in vecchi candelabri da parete, sempre di ferro, attaccati alle mura che si mescolavano alle moderne luci artificiali come neon, led e lampade notturne, percepivo l'arte intorno a me e mi sembrava di essere tornato indietro nel tempo, in quegli anni che in realtà non ho mai vissuto data la mia giovane età, ma di cui ho sentito parlare attraverso racconti di persone anziane come i miei nonni oppure visti ed immaginati attraverso la lettura di un libro o durante la visione di un film. Osservando il luogo magico e ricco di storia e imbattendomi nelle numerose opere d'arte create dagli artisti dentro di me cresceva sempre più un pensiero: QUANTA BELLEZZA, QUANTE STORIE E CHE FORTUNA POTERLE VEDERE E VIVERE.

Una volta tornato a casa e nei giorni seguenti spinto da questa esperienza ho voluto fermarmi a riflettere sul nostro paese, ed intendo la nostra nazione, l'Italia, della quale tante volte mi sono lamentato arrivando al punto di aver preso in passato la scelta di lasciarla per andare a cercare all'estero quello che pensavo di non trovare nella terra in cui ero nato. Non voglio con questo articolo sminuire i tanti problemi che affliggono la nostra penisola che spero attraverso l'amore delle persone possano essere un giorno superati e trasformati, ma voglio invitare a riflettere ogni cittadino italiano sulla bellezza che il nostro "bel Paese" offre a tutti coloro che hanno la fortuna di visitarla almeno una volta nella vita. Persone da tutto il mondo vengono in Italia alla ricerca di queste numerose meraviglie e tante volte noi che ci viviamo non riusciamo a coglierle o ancora peggio le sottovalutiamo. 

Giusto per dare un'idea di quanto offre il nostro paese desidero condividere un video che ho trovato su YouTube che mostra in un concentrato una sintesi delle venti regioni sparse sul suolo dello stivale. Buona visione.





Sicuramente attraverso questo rapido viaggio per le regioni d'Italia abbiamo avuto un assaggio di quanta natura, di quanti paesaggi, di quanta arte e di quanta bellezza siamo "partecipi" e "custodi" e penso che già solo per tutto questo dovremmo essere fieri di essere italiani. Ma per mettere ancora più "cibo sulla brace" mi piacerebbe condividere un altro video che ha lo scopo di sfatare alcuni luoghi comuni sull'Italia che spesso nel mondo viene ricordata solo per essere una produttrice di prodotti legati all'abbigliamento, all'automobile, all'arredamento e ovviamente all'alimentazione ovvero le cosiddette quattro "A" del made in Italy. Attraverso questo video scopriremo come in realtà l'Italia è ricca di eccellenza in diversi ambiti ed è importante esserne consapevoli. Il video è a cura del Ministero dello Sviluppo Economico e dell'Agenzia ICE, la fonte del video è anche in questo caso YouTube. 







Sicuramente il "made in Italy", caratterizzato dall'estrema cura nei dettagli, dallo stile inimitabile e dalla qualità di ogni prodotto rimane indubbiamente uno dei punti di forza del nostro Paese e questo è reso possibile dalla passione e dal lavoro di tante persone. Voglio quindi mostrarvi un paio di video incentrati sui prodotti italiani conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo. Questi video ci racconteranno lo stile italiano. 







Possiamo dunque parlare di "genio italiano" in quanto come abbiamo potuto vedere nei video precedenti "il bello" è da sempre una priorità ed una caratteristica delle creazioni nate in Italia. Non sorprende infatti il fatto indiscutibile che alcune tra le migliori "menti" e alcuni tra i più famosi artisti e viaggiatori che l'essere umano ha avuto furono di nazionalità italiana. Basta pensare a Leonardo da Vinci (1452-1519), Dante Alighieri (1265-1321), Cristoforo Colombo (1451-1506), Galileo Galilei (1564-1642) e Giuseppe Verdi (1813-1901) per renderci conto di quanti personaggi grandiosi hanno reso grande agli occhi del mondo la nostra penisola. L'elenco delle presone, uomini e donne, italiane che sono state protagoniste di grandi invenzioni e scoperte è lunghissimo e sarebbe quasi impossibile citrali tutti quindi utilizzando un video andiamo a scoprire alcune di queste persone ed alcune delle meraviglie a cui hanno dato vita oltre che alcune scoperte che hanno cambiato il mondo ed il modo di vivere dell'essere umano. 





Questo video trovato sul canale YouTube del Ministero degli Affari Esteri ci ha fornito una breve carrellata di alcune tra le grandi invenzioni fatte da persone italiane e ci ha mostrato l'importanza che il nostro Paese ha avuto nei cambiamenti del modo di vivere di tutto il mondo. 

Abbiamo con le nostre creazioni saputo (in parte) valorizzare un patrimonio immenso che ci è stato donato gratuitamente e del quale spesso ci dimentichiamo di prenderci cura: sto parlando di tutto quello che ci circonda e che ci ospita da tempi lontani, ovvero la natura, composta di paesaggi molto diversi tra loro. Mari, montagne, colline, laghi, pianure e fiumi uno più bello dell'altro e sparsi sul suolo italiano. Tutto questo ci è stato donato o ce lo siamo conquistato, ma rimane un patrimonio immenso che dobbiamo salvaguardare e migliorare attraverso le nostre opere durante il corso della nostra vita. Ognuno di noi, nessuno escluso. Tutti possiamo fare la nostra piccola o GRANDE parte. Vi lascio ora un ultimo video che ci permette di vedere le bellezze della natura arricchite e mescolate con le bellezze realizzate dall'uomo che vivono insieme e danno vita ad un'opera d'arte in continuo mutamento. Il video è realizzato da Wow Tapes un'agenzia romana che ha voluto raccontare e mostrare in pochi minuti le bellezze italiane. 

Buona visione…




Siamo giunti al termine di questo breve viaggio ambientato nella nostra bella Italia, e mi auguro che le immagini, unite alle musiche ed alle parole vi abbiano colpito così come hanno colpito me, lasciandomi ammagliato da tanta bellezza e più consapevole del fatto che siamo tutti cittadini di una delle più grandi nazioni al mondo e di questo dobbiamo esserne tutti orgogliosi. Certo abbiamo tutti una grande responsabilità: i grandi paesi necessitano di grandi persone e quindi nessuno deve sentirsi escluso dal compiere azioni quotidiane che arricchiscano e non tolgano valore a quanto abbiamo avuto la fortuna di ricevere gratuitamente. Dobbiamo tutti lottare per la nostra Italia.

Viva l'Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis