Passa ai contenuti principali

LA PORNOGRAFIA: Un riflessione necessaria



LA PORNOGRAFIA: 
Un riflessione necessaria





Da parecchio tempo avevo in mente di scrivere un breve articolo riguardante il tema della pornografia. Questo tema è per me importante in quanto nella società di oggi è considerato sempre più normale utilizzare materiale pornografico e soprattutto è sempre più facile accedervi in quanto esistono tantissimi siti e non vi sono particolari restrizioni che ne vietano l'utilizzo anche da parte di minorenni. Purtroppo l'utilizzo costante e frequente di pornografia, è ormai risaputo, genera una forma di dipendenza dalla quale è difficile liberarsi. I giovani oggi crescono con il costante "insegnamento" in termini di educazione sessuale dato appunto dall'utilizzo di materiale pornografico che purtroppo non rispetta l'essere umano, in quanto esso viene considerato semplicemente come un oggetto del desiderio  finalizzato a procurare piacere ed una volta che questo "oggetto" non soddisfa più lo si può eliminare sostituendolo con un altro entrando in una spirale di violenza ed indifferenza.

Questo tema viene spesso e volentieri evitato, forse perché non ci si sofferma mai a pensare effettivamente a cosa resta nascosto dietro a quel mondo che all'apparenza sembra essere composto da persone che amano fare quel mestiere ma che invece nasconde delle realtà ben diverse. 

Il mio intento non è quello di fare la morale a qualcuno, ma semplicemente mettere per iscritto una riflessione che spero possa aiutare a far riflettere tante persone su questo tema. Non voglio inoltre mettere sullo stesso piano e "fare di tutta l'erba un fascio", tutta la pornografia perché probabilmente esiste anche una sorta di pornografia "etica" se così si può chiamarla ma rimane il fatto che nella grande dimensione che questa industria ha, vi è una grande parte marcia, malata e che provoca sofferenza, sfruttamento e anche morte. 

Mi ha fatto molto riflettere un articolo che ho letto sul blog "il ricciocorno schiattoso" sul tema in questione nel quale si pone l'attenzione su due aspetti che non possono lasciare indifferenti:

Il primo riguarda i titoli che vengono utilizzati all'interno dei siti pornografici per descrivere i video che sono un concentrato di violenza inaudita e che purtroppo non ci si sofferma mai a leggere ma sui quali l'autore dell'articolo ci invita a porre attenzione soffermandoci sulle parole utilizzate. Non può lasciare senza qualche perplessità e non si può non essere schifati da quelle parole violente e degradanti associate ad esseri umani che potrebbero essere nostri amici, fratelli e sorelle.

Il secondo riguarda una provocazione mirata a far riflettere coloro che difendono la pornografia in quanto non tutta è uguale. La proposta è quella di pensare quali aspetti positivi di questo mondo possano essere messi sul piatto della bilancia per compensare tutti gli aspetti negativi. Effettivamente se ci si pensa bene per quante possano essere le cose positive della pornografia risulta arduo convincersi che queste possano giustificare le tante sofferenze e brutalità che esistono e che fanno vivere questo mercato. 

Una frase molto significativa chiude l'articolo che mi ha ispirato a scrivere questo articolo frutto di una riflessione che da molto tempo sta maturando in me e ve la riporto di seguito:

-DA UNA PARTE CI SONO POCHI SECONDI DI PIACERE, E DALL'ALTRA LA NOSTRA UMANITÀ-

Non credo esista una pornografia talmente buona ed etica da valere la candela in quanto nel gioco vi è troppa presenza di aspetti negativi. Vi sono però alcuni progetti che almeno utilizzano la pornografia per fare del bene e quindi penso sia meglio sapere piuttosto che ignorare. Per questo motivo lascio il link di un progetto Italiano pensato per utilizzare i fondi raccolti dall'utilizzo di materiale pornografico per delle cause etiche e di carità. 

Il sito è:
https://come4.org/

Ad inizio articolo trovate invece un cortometraggio italiano sempre sul tema della pornografia. Il titolo è PERPLEXXXITY. Anche questo video fornisce molti spunti di riflessione su quello che è un mondo all'apparenza fatto di solo piacere, ricchezza e felicità ma che in realtà nasconde ben altre sorprese.

Mi auguro che questo articolo susciti interesse sul tema e spinga le persone ad informarsi sempre maggiormente.

Sensibilizzarsi è una necessità per la nostra specie.




Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis