Passa ai contenuti principali

KATA ANIMATI

KATA ANIMATI

Buongiorno lettori, in questo freddo inizio di maggio ho avuto tempo di iniziare un lavoretto che da tempo avevo in "cantiere". Molte volte leggendo libri o articoli relativi alle arti marziali mi sono imbattuto nelle vecchie fotografie che gli antichi maestri utilizzarono per documentare la loro arte. Ovviamente un tempo non esistevano grandi tecnologie e quindi queste fotografie oltre a non essere sempre di buona qualità rendono difficile l'interpretazione di quanto probabilmente era la realtà. Se pensiamo ad esempio al tentativo di illustrare attraverso la fotografia un kata, ovviamente ci rendiamo conto della difficoltà intrinseca che ne deriva dal limite stesso della fotografia: quello di non illustrare il movimento. 

Ebbene oggi grazie alla tecnologia, con un minimo di lavoro possiamo ottenere delle buone fotografie animate (GIF) che ci permettono di capire meglio come poteva essere la reale esecuzione di quelle tecniche rappresentate in ogni singola fotografia e legate tra loro. In questo articolo intendo inserire inizialmente i primi due kata su cui ho potuto lavorare e prossimamente inserirò altri kata in base alla loro reperibilità. 

I primi due kata che vi propongo sono eseguiti da Gichin Funakoshi, il "padre" del karate moderno, e nello specifico sono:

-Naihanchi Shodan o Tekki Shodan;
-Pinan Shodan o Heian Nidan.

Mi auguro che possiate trovare interessanti queste animazioni e che possano tornarvi utili per il vostro studio.

A presto.

1. 

Naihanchi Shodan (Tekki Shodan)
 2.
Pinan Shodan (Heian Nidan)

Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis