Passa ai contenuti principali

VIAGGIO ALLA RICERCA DELL'INGREDIENTE DIMENTICATO: OKINAWA, LA TERRA DELLA CORTESIA

VIAGGIO ALLA RICERCA DELL'INGREDIENTE DIMENTICATO:
OKINAWA, LA TERRA DELLA CORTESIA 

Castello di Shuri


Buonasera, è con grande entusiasmo e meraviglia che mi appresto a raccontarvi in questo articolo del viaggio al quale ho avuto modo di prender parte verso una terra lontana che da tempo sognavo di visitare e che voglio documentare in modo da poterlo, quando ne avrò il desiderio, tornare a rivivere non solo con la memoria ma con qualcosa di concreto. Voglio, prima di procedere al racconto, consegnarvi un insegnamento importante che quest'esperienza mi ha fornito. Vi confesso che da quando ho iniziato a praticare arti marziali poco più di cinque anni fa, il desiderio di recarmi ad Okinawa è cresciuto nel tempo. Il mio interesse verso questo vasto mondo si è alimentato grazie a numerose letture, ricerche e ovviamente anche grazie alle moderne tecnologie che consentono di vedere realtà lontane con un semplice "click" dal mouse del computer. In queste ricerche ho incontrato e fatto la superficiale conoscenza di diversi luoghi più o meno lontani, ma dentro di me c'era un luogo che più di altri mi attirava grazie ad un insieme di caratteristiche vicine al mio modo di essere. Questo luogo era Uchina (questo è il nome di Okinawa nel dialetto locale).
Okinawa è l'isola più grande dell'arcipelago delle Ryukyu, un tempo regno a se stante e oggi prefettura giapponese. Ai più è conosciuta principalmente per il fatto di essere il luogo al mondo dove c'è il più alto tasso di concentrazione di persone ultracentenarie e per essere il luogo dove è nata l'arte marziale più praticata al mondo: il karate. Ma oltre a queste note particolarità penso ne possieda molte altre da scoprire e spero che grazie a questo mio racconto alcune risaltino. L'insegnamento di cui sopra vi parlavo riguarda il fatto che nella vita molto di quello che ci succede è frutto di nostre azioni e pensieri. Non ho certo scoperto l'America, ma questa esperienza me ne ha dato conferma. Il mio desiderio di recarmi un giorno su quest'isola è diventato realtà grazie ad un insieme favorevole di fattori, ma molti di questi sono stati frutto di scelte ben precise, di impegno e tempo investito verso una meta. Quindi nonostante la razionalità più volte mi abbia ricordato di restare con i piedi per terra, non ho mai smesso di sperare e di inseguire questo sogno. Sono stato fortunato ammetto a poterlo realizzare ma è anche vero che abbiamo la possibilità di crearci un poco di fortuna. Spero di non essere sembrato presuntuoso con questa piccola "lezione" di vita, così mi piace chiamarla perché lo è stata per me, e mi auguro potrà infondere coraggio a chi magari pensa di non poter realizzare i propri sogni. È giunto però il momento di ripartire grazie alla memoria verso quella lontana terra della quale voglio narrarvi:

Buon viaggio.

Con grande euforia velata di paura per il lungo viaggio che aspettava me ed i miei compagni di avventura il 13 gennaio 2019 il grande giorno era finalmente arrivato. Partenza dall'aeroporto di Malpensa (Milano) con davanti tre scali e tante ore di attesa tra un volo e l'altro, ma sopratutto più di 10 mila chilometri di distanza dalla destinazione. Tra una chiacchierata ed un'altra, alternanti fasi di dormi-veglia, la lettura di qualche pagina di libri appositamente portati per ammazzare il tempo, l'ascolto di qualche nota classica rilassante e qualche spuntino la distanza si faceva sempre più breve fino al fatidico e tanto atteso atterraggio in terra giapponese. Sceso dall'aereo una misteriosa energia mi ha investito assieme ad un'aria tiepida ed umida tipica del clima tropicale. Era fatta mi trovavo a Naha capoluogo dell'isola. 

Dettaglio dell'interno dell'aeroporto di Naha. Non avevo mai visto un aeroporto pieno di fiori.

Dopo aver provato la monorotaia sopraelevata che domina e mette in comunicazione tutta la città, e aver preso un taxi verso il nostro hotel, abbiamo avuto un primo contatto con la cortesia tipica del posto. A dir la verità il ragazzo che ci ha aiutato chiamando la segreteria del nostro hotel per farci avere la password per entrare non era di Okinawa, ma uno studente cinese, ad ogni modo ci ha aiutato, senza voler nulla in cambio, ad entrare nell'edificio per un tanto atteso e meritato riposo. Grazie ad una dormita rigenerante la mattina seguente ci siamo potuti avventurare nelle strade di Naha e grazie alla nostra guida, (senza la quale saremmo stati persi) Emanuel che era alla sua settima visita in questa terra, abbiamo potuto iniziare a prendere dei punti di riferimento che ci sarebbero tornati utili durante il nostro soggiorno. Un'altra persona che ci ha aiutato e con la quale abbiamo passato diverse ore in compagnia, è un altro italiano, che però vive da alcuni anni sull'isola, Pietro, il suo nome, è stata una bella conoscenza così come un altro ragazzo originario dello stivale, suo amico ed anch'esso momentaneamente residente a Naha, Gino, così lo chiamano gli amici. Grazie a queste due persone abbiamo avuto modo di conoscere anche alcune realtà locali che solo il tempo può far emergere e che gli occhi di un nuovo arrivato difficilmente notano. Le ore di questo primo ed intero giorno giapponese son volate tra una scoperta e l'altra e una volta fatta la conoscenza della strada principale della città, Kokusai-dori e del mercto di Makishi ci avvicinavamo sempre di più al primo contatto con la pratica del karate in un dojo tradizionale di Okinawa. Ancora momentaneamente sprovvisti di bicicletta, mezzo molto utile per girare la città ma abbastanza raro, ci siamo incamminati verso il dojo del maestro con il quale ci saremmo allenati durante questo viaggio di studio. Dopo tre quarti d'ora di cammino a passo sostenuto arrivammo al dojo, una bella stanza tradizionale con un piccolo bagno sottostante l'abitazione del maestro. Tempo di cambiarsi e via subito in mezzo alla "mischia". L'impatto è stato diretto, sopratutto con il capo-istruttore del dojo che uno ad uno in modo fermo e apparentemente rude ma in realtà segnale di interesse nell'insegnarci, ci ha corretti cercando principalmente di farci vincere l'ansia mentale e la rigidità fisica. Ciò che mi ha colpito maggiormente fin dal primo istante è stata la costante sensazione di essere in un luogo dove attraverso il sudore e l'aiuto reciproco veniva portata avanti una tradizione antica ed oltre a questo ho per la prima volta avvertito la mia mente libera da qualsiasi pensiero e totalmente concentrata sulla pratica. Voglio dedicare un approfondimento, prima di procedere con il racconto del viaggio,al modo in cui si svolge una sessione di allenamento sull'isola dove è nato il karate perché penso possa essere fonte di ispirazione per chi pratica ed insegna quest'arte e anche per far riflettere coloro che hanno appreso e a loro volta insegnano questa disciplina con un modo di fare militaresco che sinceramente da quello che ho potuto vedere con i miei occhi è lontano dalla realtà. Ovvio che con questo non voglio mettere in discussione metodi di allenamento né tanto meno insegnanti ma voglio semplicemente rendere noto un sistema diverso da cui son rimasto colpito. Eccovi la mia esperienza:

Un allenamento "tipo" ad Okinawa

Ecco il nostro gruppo nel dojo del Maestro Maeshiro Morinobu

Entrando nel dojo si saluta chi vi è già dentro dicendo semplici e comuni parole o frasi basate sulla fase della giornata in cui ci si trova seguendo le normali etichette della buona educazione (es. buongiorno/buonasera). In Giappone si saluta facendo il classico inchino rivolto ai presenti. Se si vuole si può fare un inchino prima di entrare e prima di uscire anche se non vi sono presenti come segno di rispetto del luogo e a chi nel passato vi ha insegnato, ma non mi è sembrata una norma obbligatoria. Si lasciano le calzature con le quali si è arrivati già girate nella direzione dell'uscita cosa comune in ogni ingresso, dalle case ai luoghi pubblici (è buona norma ed educazione togliersi le scarpe anche prima di entrare in un camerino dentro un negozio per provare dei vestiti). Si procede dunque ad entrare sul pavimento d'allenamento scalzi. Si può arrivare già vestiti con il karate-gi (non kimono come ancora molti utilizzano dire) oppure si può arrivare vestiti normalmente. Per cambiarsi si possono utilizzare i bagni o gli sgabuzzini. In caso si fosse arrivati con i pantaloni del gi e sopra una maglietta si può indossare la casacca, rimanendo sul tatami, facendolo  a modo. Mentre si aspetta l'inizio della lezione è normale scambiare qualche parola con i presenti e spesso capita che qualche praticante di grado avanzato prenda con se le cinture inferiori per cercare di correggere degli errori oppure per vedere qualcosa di nuovo. In maniera autonoma si può aspettare l'inizio della pratica facendo esercizi di riscaldamento oppure utilizzare alcuni attrezzi tradizionali o provare tecniche e movimenti. In poche parole non ci sono regole fisse, o schemi dai quali non si può uscire, l'importante è mantenere un atteggiamento marziale ed educato come richiede quel contesto ma che va bene anche in altri contesti. Non sono mancate mai risate e battute scherzose prima e dopo dell'allenamento. Una volta che il Maestro o chi è incaricato a dare il via alla lezione decide di incominciare ci si dispone pronti cercando di occupare bene gli spazi. Solitamente le cinture inferiori con i bambini si posizionano davanti mentre le cinture avanzate restano dietro. Il più delle volte si inizia senza particolari rituali di saluto ma può anche capitare che questo venga fatto. Per quanto riguarda lo stile e la scuola in cui ho avuto modo di cimentarmi l'allenamento parte con gli esercizi propedeutici che si svolgono in coppia. Questi esercizi aiutano a sviluppare e capire i concetti base dello stile e sono indispensabili. Una volta finiti questi esercizi si passa al cuore del karate tradizionale: il kata. Non è raro che durante gli esercizi propedeutici chi ha la competenza necessaria aiuti chi è alle prime armi facendo svolgere degli esercizi specifici che prevedono l'uso di strumenti tradizionali per comprendere meglio concetti e segreti nascosti in quell'esercizio. I kata vengono praticati seguendo i comandi del Maestro in modo da andare tutti allo stesso ritmo e per rispettare i giusti tempi delle tecniche. Si parte con i kihon kata ovvero delle forme in cui si eseguono le tecniche principali e base dello stile ed più in generale del karate. Dopo questi si passa al kata fondamentale dello stile, il Naihanchi (Tekki per chi pratica Shotokan). Dopo aver eseguito la prima volta il kata si studiano singolarmente alcune delle principali tecniche ripetendole a modi kihon. Dopo i tre kata Naihanchi (shodan, nidan e sandan) si studiano i Pinan (Heian per chi pratica Shotokan) per poi passare a kata più avanzati. Ci sono due aspetti importanti da menzionare che contraddistinguono la pratica dei kata ed in generale del karate ad Okinawa. Tra un kata ed un altro oppure tra una serie di kata ed un'altra vengono autorizzate delle pause. Sono pause mirate a riprendersi rifiatando, asciugandosi dal sudore oppure bevendo dell'acqua che ci si può portare o del tè che viene offerto. Nel nostro caso specifico era sempre presente ad ogni allenamento una caraffa di mugi-cha (tè d'orzo) che ci si poteva servire in dei bicchieri di carta. Ma il secondo e forse più importante scopo di queste pause è quello di consentire ai praticanti di chiedere consiglio ad altri praticanti in caso non si ha capito qualcosa oppure per utilizzare gli strumenti tradizionali come il makiwara oppure la versione okinawense dell'uomo di legno, il kakete-biki o kakiya. Infine in queste pause si viene spesso corretti su alcuni errori o difetti commessi durante i kata che non sfuggono agli occhi dei più esperti, ma si può anche essere semplicemente aiutati a migliorare alcune tecniche, posizioni ecc... . Ecco quindi che un' apparentemente semplice pausa può diventare molto importante se sfruttata bene. Altro aspetto importante riguarda l'abitudine di studiare alcune applicazioni del kata dopo averlo eseguito. In questo modo il praticante inizia a capire perché nel kata si esegue un certo movimento o si esegue una certa tecnica. Queste applicazioni si studiano in coppia e aiutano davvero molto. Allo scadere del tempo il Maestro invita i praticanti al momento del saluto che però avviene sempre dopo aver praticato qualche minuto di mokuso, una sorta di "meditazione" il cui scopo è quello di staccare la spina dall'attività appena svolta per tornare alla vita al di fuori del dojo. Quindi dopo essersi inginocchiati in seiza ed aver svuotato la mente si esegue il saluto ringraziando per quanto appreso e una volta tornati in piedi ci si ringrazia tra compagni di allenamento. Dopo questo momento ci si va a cambiare oppure se non ci si cambia si procede ad uscire dal dojo salutando e dandosi appuntamento alla prossima sessione. Durante questi allenamenti è stato bella e forte la sensazione costante di appartenere ad una famiglia. Nessuno vuole eccellere, nessuno critica nessuno, ci si aiuta e ci si allena duramente ma sempre con il sorriso (se non sul volto sicuramente nel cuore) in un clima amichevole e semplice. Gli okinawensi sono rilassati e praticare in un dojo di Okinawa mi ha fatto rilassare ed estraniare dal mondo. Non avevo né modo né voglia di pensare ad altro. Ho praticato per la prima volta con mente, corpo e spirito. 

Qui siamo nel secondo dojo in cui ci siamo allenati: l'hombu dojo (dojo principale) della scuola Shidokan

Questa è stata la mia personale esperienza condivisa con altre persone, ed ovviamente mi rendo conto che questa non possa essere presa come punto di riferimento, o rispecchiare fedelmente l'esperienza di  tutti coloro che hanno praticato o avranno modo in futuro di praticare in un dojo su quest'isola però credo che in linea di massima il karate venga praticato e vissuto ad Okinawa in modo simile a quanto ho descritto con ovviamente le differenze inerenti alle diverse scuole ed i diversi stili. Ho partecipato a otto sessioni di allenamento durante i giorni trascorsi a Naha, praticamente, escludendo i giorni di arrivo e partenza ed il sabato e la domenica a cavallo tra le due settimane, quasi un allenamento al giorno e devo dire che ho appreso molto sicuramente grazie al metodo ormai codificato ed efficace sviluppato in quella scuola e trasmesso di generazione in generazione. Tra le varie sessioni di allenamento le giornate passavano in fretta tra una visita a qualche sito storico-culturale, qualche passeggiata rilassante all'interno di alcuni giardini e parchi, poche ma buone pause nella vicina spiaggia di Naminoue e numerose camminate e biciclettate per raggiungere i diversi luoghi.

I giardini Fukushu-en in stile cinese
La spiaggia di Naminoue
I giardini Shikina-en in stile giapponese













Per tornare a parlare delle gente di Okinawa voglio raccontarvi in breve di una serata che abbiamo passato all'interno di un piccolo ma accogliente bar in stile giapponese dove ci siamo sentiti come a casa. Preciso che questo locale e la cordialità a livello familiare che abbiamo ricevuto siamo stati in grado di conoscerlo e riceverla grazie alla pregressa conoscenza che Emanuel aveva con le persone del locale. Questo non significa che senza conoscenze saremmo stati scacciati con urla però in primis probabilmente non l'avremmo facilmente trovato e comunque è un dato di fatto che su quest'isola la buona parola e l'essere presentati da persone che hanno già guadagnato la fiducia degli isolani aiuta ad essere accolti più facilmente e velocemente. In ogni caso una volta entrati nella piccola sala con in sottofondo della musica proveniente da un vecchio jukebox siamo stati accolti con sorrisi e molta curiosità dal proprietario del bar, la barista a da un signore con il quale avevamo appuntamento al bar. Si trattava di uno dei praticanti, non più giovincello, della scuola dove ci siamo allenati. La serata è trascorsa in grande allegria, e nonostante il grosso limite della lingua grazie ad un minimo di inglese più o meno scolastico siamo riusciti a scambiare qualche frase con i presenti e con alcuni avventori del bar arrivati dopo di noi e che si sono uniti nelle attività come se fossimo tutti parte di un unico gruppo di amici. Abbiamo scambiato qualche parola con queste persone e ci siamo intrattenuti scrivendo i nostri nomi su alcuni fogli utilizzando pennello ed inchiostro. Durante la serata abbiamo avuto modo di assaggiare il famoso awamori, ovvero la versione okinawense del sake giapponese che però si beve freddo, e abbiamo assaggiato alcune pietanze tipiche come la "pizza di Okinawa" che nonostante abbia poco in comune con la nostra pizza ci è molto piaciuta. Siamo poi stati intrattenuti dalla barista e dal nostro compagno di allenamenti che hanno suonato e cantato per noi utilizzando lo strumento più usato ad Okinawa ovvero il sanshin, strumento a tre corde accompagnandolo con il tipico modo di cantare dell'isola. La barista che era da quel che ho capito una semi-professionista in quest'arte musicale mi ha emozionato cantando e suonando una tipica canzone usata per accogliere chi veniva e viene sull'isola. Dopo qualche ora uscendo da quel posto ho avvertito qualcosa di forte nel momento del congedarci con il signor Takara, (il praticante di karate) in quanto ho avvertito la sua emozione nel salutarci che però da giapponese ha saputo contenere in maniera educata. Noi occidentali la definiremmo freddezza ma sono sicuro di aver avvertito in lui le stesse sensazioni che provavo io, semplicemente veniamo da due culture differenti che manifestano in modo diverso le proprie emozioni. 


Ingresso di Tsuboya la via delle ceramiche e dell'artigianato locale











La corda gigante da Guinness World Record usata per fare un gigantesco tiro alla fune durante un festival a Naha

Uno shisa, il cane-leone che viene posto fuori da quasi ogni abitazione o edificio. Solitamente sono sempre in coppia.





In mezzo a tutte le cose che mi hanno colpito piacevolmente durante quei giorni nel Sol Levante sicuramente quelle che ricordo con maggior gioia sono quelle legate alla gentilezza con la quale le diverse persone ci hanno trattato. Potrà sembrare banale ma riuscire a girare per una città sconosciuta in bicicletta, tra l'altro con la guida contraria a quella a cui ero abituato, senza paura, ma in totale serenità mi ha fatto molto pensare. Erano le persone in macchina o su altri mezzi di trasporto ad avere la massima attenzione nei confronti di noi italiani e nonostante le nostre saltuarie manovre pericolose non abbiamo mai ricevuto suonate col clacson oppure urla o offese (se lo hanno fatto noi non li abbiamo sentiti ne ovviamente capiti), anzi in più di un'occasione erano loro ad inchinarsi nei nostri confronti nonostante avessimo sbagliato. Penso che avremmo molto da imparare dal modo giapponese di rispettare le regole e dal loro essere educati. Stupefatto mi ha lasciato anche il fatto che queste persone oltre che gentili, si sono fidate di me più volte e ora vi racconto perché dico questo. Trovandomi sull'isola dove è nato il karate mi sono impegnato a ricercare alcuni tra i più famosi dojo ovviamente restando nell'area di Naha, addentrandomi nelle tre vecchie città che ora sono solo dei quartieri della "capitale" e che un tempo davano il nome che distingueva gli stili di karate praticati in quella particolare zona: Naha (Naha-te), Shuri (Shuri-te) e Tomari (Tomari-te). In alcuni casi ho dovuto percorrere e ripercorrere diverse strade e stradine arrivando alla necessità di chiedere informazioni a qualche passante. Differentemente dal nostro modo di pubblicizzare palestre o scuole di una determinata disciplina o sport ad Okinawa se non fosse per internet dove si possono trovare alcune indicazioni sulla zona in cui si trova un determinato posto, è difficile per strada trovare della segnaletica che indica la presenza di tali punti di interesse. Salvo alcuni casi, ma molto rari, i dojo che ho trovato son riuscito ad identificarli solo una volta trovatomi di fronte ad essi. Interessante è stato notare che tra le varie persone alle quali ho chiesto aiuto, ed a volte ho dovuto chiedere a diverse persone prima di trovare questi posti, mi hanno saputo aiutare maggiormente le persone avanti con l'età mentre i giovani spesso non sapevano aiutarmi. Ben due volte sono stato accompagnato a piedi a destinazione. Nel primo caso fu una signora e nel secondo caso un signore proprietario di un negozio uscito apposta dopo essersi tolto il grembiule e lasciando sua moglie sola nella piccola bottega che gestivano. Qui entra in gioco la fiducia di cui vi parlavo poco fa. Io, un giovane straniero occidentale, senza neanche aver avuto modo di spiegare nulla per via della lingua che non conosco potevo avere delle cattive intenzioni eppure queste persone mi hanno portato, allontanandosi dal luogo in cui le avevo interrotte dalle loro attività, a destinazione ed anzi con un inglese appena strascicato hanno mostrato interesse nei miei confronti chiedendomi da dove venissi (e quando dicevo che venivo dall'Italia seguivano sempre delle risate, non solo in queste due occasioni...chissà per quale motivo mi son domandato sempre?!). Probabilmente non ero il primo al quale avevano prestato soccorso, durante la loro vita, per la ricerca di questi luoghi anche perché migliaia di persone hanno visitato Okinawa per il loro interesse per le arti marziali lì nate, resta il fatto che ho trovato curiosi ed estremamente cordiali questi gesti. Sarà che dove vivo io in Italia quando tento di salutare una persona anziana molte volte non ricevo neanche un cenno di risposta e sarà che quando mi capita di chiedere un'indicazione la risposta più comune è che quel forestiero non è della zona e se son fortunato ricevo indicazioni talmente confuse da farmi sentire ancora più disorientato di prima. Qualcuno di gentile che in Italia mi ha aiutato in queste circostanze l'ho trovato per carità, però penso che difficilmente potrò trovare una tale gentilezza dal luogo da dove provengo, e questo non lo dico per disprezzo nei confronti dei luoghi dove sono nato e cresciuto ne per criticare le persone che mi circondano e con le quali condivido l'essere italiano però nelle nostre strade percepisco spesso paura, indifferenza ed un distacco che porta le persone a starsene nel loro senza immischiarsi o farsi immischiare nelle vicende altrui risultando così maleducati e scortesi. Purtroppo da noi probabilmente è più facile finire nelle grinfie di malintenzionati o forse abbiamo sviluppato una paura eccessiva nei confronti dell'estraneo a prescindere dalla sua provenienza. Per me è stato sorprendente essere aiutato in quel modo e sarà una lezione di vita anche questa che porterò con me per sempre. 


Il dojo di Maeshiro Morinobu

 Il dojo Jundokan

Il dojo di Morio Higaonna

Il dojo Kyudokan

Il dojo Kodokan Makishi

Il dojo Shubukan

Il dojo e museo Bumbukan 

Il vecchio e apparentemente inutilizzato dojo di Soshin Nagamine




Tornando alle diverse attrattive che si possono visitare nei dintorni di Naha sicuramente vale la pena fare una visita al castello di Shuri, la vecchia residenza del re e dei suoi sudditi quando Okinawa faceva parte del regno delle Ryukyu , ed i suoi dintorni con diversi giardini  ricchi di natura. Ho gradito molto anche l'economica visita al museo dedicato al karate ed al kobudo, il Kaikan, oltre che a diversi monumenti sparsi qua e la alcuni di essi tra l'altro correlati allo sviluppo della storia delle arti marziali locali.



Vista dai giardini del castello di Shuri

La porta Shureimon (ho letto sul libro di Gichin Funakoshi che il nome significa porta della cortesia e delle buone maniere).

Il dojo all'esterno del museo Kaikan.

Il Budokaan, la sala delle arti marziali


È stata una bella esperienza sotto tutti i punti di vista, certo una vacanza è pur sempre una vacanza però i miei bagagli si sono tutti arricchiti di qualcosa di bello e positivo. Voglio ovviamente ringraziare chi ha condiviso con me questi giorni, in primis Emanuel Giordano che oltre ad essere il mio insegnante di karate è stato davvero una guida ed un punto di riferimento in questo luogo lontano. Ringrazio la mia ragazza, Isabel, per avermi come sempre supportato, sopportato e viziato e poi Gabriele e Sean con i quali ho condiviso gli allenamenti, le visite alla città, le ansie, le paure e tutte le fasi del viaggio. Ringrazio ogni persona che ho incontrato in quel luogo partendo dagli italiani Pietro, Gino ed i suoi genitori con i quali ho potuto scambiare una bella chiacchierata in una delle poche pizzerie italiane sull'isola. Grazie a Tomomi, l'amica di Gino che ci ha fatto da guida nei dintorni di Shuri e anche alla moglie di Pietro che abbiamo conosciuto solo l'ultimo giorno. Ovviamente non posso non ringraziare tutti i membri dei due dojo in cui mi sono allenato, iniziando con il Maestro Maeshiro Morinobu che con la sua umiltà ed il suo sorriso ed ovviamente con la sua bravura ci ha accolto ed insegnato moltissimo, e voglio ringraziare anche sua moglie per il pensiero che ci ha donato. Ogni singolo membro di questa scuola di karate lo ringrazio per il clima serio, marziale ma al tempo stesso familiare che si respirava durante ogni allenamento. In particolare ringrazio Nicolas, un ragazzo colombiano che studia da più di un anno sull'isola, e con il quale ho fatto diversi esercizi in coppia e poi ringrazio il capo istruttore che con fermezza e passione mi ha corretto più e più volte. Infine un grazie davvero a tutti quelli che non ho menzionato. 


Fiori di ibisco, il fiore di Okinawa

Finiti i ringraziamenti personali che ovviamente i lettori non interessati non vedevano l'ora che finissero, voglio concludere confidandovi cosa mi mancherà di quel posto. Sarebbe strano se non vi dicessi che sicuramente mi mancherà la pratica in quei dojo dove veramente si percepisce qualcosa che viene da lontano, qualcosa di antico ma ancora vivo ai nostri giorni e che auguro ad ogni praticante di karate o kobudo di poter provare sulla propria pelle almeno una volta nella vita. Eppure c'è qualcosa di più semplice ma non scontato che mi mancherà ancora di più, e prendo in prestito le parole di uno dei ragazzi del gruppo con cui son partito: allontanandoci dal dojo del Maestro l'ultima sera di allenamento stavamo parlando tutti del fatto che ci sarebbe mancato quel modo di vivere l'arte marziale, e Sean mi ha sorpreso con questa frase che in fondo è il "succo" di questo viaggio: "a me mancherà il sorriso del Maestro"! Eh già ripensando a quella frase ho capito come a volte le cose semplici sono quelle che più fanno la differenza. Se ripenso a quei giorni ciò che più mi ha sorpreso è la cortesia con la quale le persone si son prese cura di noi. Quel Maestro tanto competente nel suo campo mi ha meravigliato con il suo sorriso accogliente che non ha mai smesso di mostrarci, e mi ha fatto venire in mente un capitano di una nave che scende per ultimo oppure sceglie di affondare con essa se non ha altra scelta, quando dopo ogni allenamento usciva dal dojo e ci seguiva con lo sguardo, sorridendoci e salutandoci fino a quando non voltavamo l'angolo della via in cui abitava. Questi gesti, ebbene si, sono le cose che mi mancheranno maggiormente forse perché oggi è difficile riceverli nella nostra società. Sarà mio obiettivo e traguardo da rincorrere dunque quello di proseguire nello studio dell'arte che ho potuto approfondire la dove ha visto i suoi natali però lo sarà allo stesso modo cercare di usare ed insegnare quella cortesia che tanto mi ha incantato.


Spero che queste mie parole non vi abbiano annoiato e probabilmente se siete arrivati fino a questo punto questo non è accaduto, in ogni caso spero che queste personali riflessioni vi abbiano in qualche modo arricchito.

Visto che il sorriso è stato appunto il protagonista o quasi di questo articolo vi lascio con questo scritto che rispecchia le riflessioni precedenti:

VALORE DI UN SORRISO

Donare un sorriso
rende felice il cuore.
Arricchisce chi lo riceve
senza impoverire chi lo dona.
Non dura che un istante
ma il suo ricordo rimane a lungo.

Nessuno è così ricco
da poterne fare a meno
né così povero da non poterlo donare.
Il sorriso crea gioia in famiglia
dà sostegno nel lavoro
ed è segno tangibile di amicizia.

Un sorriso dona sollievo a chi è stanco
rinnova il coraggio nelle prove
e nella tristezza è medicina.
E se poi incontri qualcuno che non te lo offre
sii generoso e porgigli il tuo:
nessuno ha tanto bisogno di un sorriso
come colui che non sa darlo. 

Padre Faber


Diversi costumi di alcune tipiche danze Okinawensi.









Alla prossima...


































































Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis