Passa ai contenuti principali

OLIO DI IPERICO

OLIO DI IPERICO 

Buonasera lettori, ieri era il 24 giugno e si ricordava la nascita di San Giovanni Battista ma nelle prossime righe non voglio parlarvi di questa figura importante per i cristiani, ma voglio condividere con voi un prodotto naturale che ha molti benefici fisici e psichici e che secondo la tradizione si inizia a preparare proprio in questo giorno. Sto parlando dell'olio di iperico.

Questa pianta molto comune sul territorio italiano, viene comunemente chiamata erba di San Giovanni e proprio per questo motivo la preparazione dell'olio ottenuto per macerazione dei fiori e delle sommità fiorite inizia con la raccolta di questi nel ventiquattresimo giorno di giugno. 

Vi sarà capitato spesso e se non vi è mai capitato sicuramente vi capiterà se porrete attenzione alle piante che incontrate camminando, mentre percorrete una strada con un mezzo o anche osservando un prato, di notare o scorgere una pianta che in questo periodo mostra dei fiori piccoli e gialli. Io ne ho notate molte sui cigli delle strade ma anche in mezzo a prati non curati.


Questa pianta assomiglia ad altre piante che crescono in maniera spontanea e quindi fate attenzione se volete raccoglierla. Io ho la fortuna di averla potuta comprare a Cesena mentre soggiornavo nella città romagnola durante un seminario di karate. Una volta tornato a casa l'ho trapiantata in un piccolo pezzo di terra sulle scale di casa. Per il secondo anno consecutivo ho aspettato il giorno indicato dalla tradizione per raccogliere i fiori di questa pianta per poterli mettere a macerare per ottenere un rimedio contro le ustioni ma non solo. 

Ora  vi mostrerò i semplici passaggi che servono per poter ottenere questo prodotto. Ovviamente non son un esperto quindi chi invece ha una certa esperienza nella produzione di quest'olio potrà notare e trovare diversi errori. Quello che posso dire è che ho cercato nozioni online e ho provato a rispettare al meglio quanto ho trovato e devo dire che il prodotto ottenuto la precedente estate è risultato efficace e non ha avuto alcun tipo di contro indicazione. 

Primo passaggio: 

Per prima cosa munitevi di un recipiente, un contenitore oppure un semplice sacchetto dove riporre i fiori e le sommità fiorite che tagliere utilizzando una forbice da giardino. Io ho utilizzato un setaccio in modo che anche dopo essere stati raccolti l'aria potesse circolare tra i fiori. Ho tagliato l' estremità dei vari ramoscelli cercando di eliminare il più possibile le parti verdi (foglie ecc.) ma comunque una piccola quantità è comunque rimasta. Ecco il setaccio dopo il raccolto:

Secondo passaggio:
Una volta raccolta la droga, (così si usa(va) dire) procuratevi un contenitore possibilmente di vetro e con una chiusura ermetica. Il vetro a differenza della plastica non rilascia sostanze nocive sopratutto se lasciato a diretto contatto con la luce solare, visto che questo prodotto richiederà come leggerete in seguito di stare parecchi giorni alla luce del sole. Inoltre importante è che il barattolo o contenitore non lasci passare aria, evitando così muffe. Una volta che avete il contenitore riempito con i fiori e le parti verdi che non siete riusciti a separare, schiacciate il tutto con le mani verso il fondo. 

Terzo passaggio:
Ora procedete versando e coprendo completamente di olio di oliva il contenuto del contenitore. Importante è fare in modo che non vi siano parti di pianta che emergano dalla superficie dell'olio perché potrebbero crearsi delle muffe durante la macerazione. Un consiglio è quello di usare un olio buono perché essendo questo l'ingrediente di base più è buono più avrà benefici abbinato al potere dell'Iperico. Ecco il risultato dopo questo passaggio:
Quarto passaggio :
Il quarto ed ultimo passaggio richiede semplicemente molta pazienza. Chiudete il barattolo, trovate un posto dove metterlo ad una condizione: deve poter prendere la luce diretta del sole per circa 40 giorni. La macerazione avverrà grazie al calore che il sole porterà all'interno del contenitore e inoltre l'esposizione alla luce farà sì che i fiori e le parti della pianta rilasceranno nell'olio i loro principi attivi. Piano piano con il passare dei giorni noterete che l'olio prenderà delle note di colore che si avvicineranno sempre più ad un colore rossastro tipico dell'olio di Iperico. Ogni tanto abbiate l'accortezza di smuovere il fondo del barattolo dove si depositeranno le parti della pianta. 

Dopo 40 giorni potrete finalmente filtrare il vostro olio separando la parte liquida da quella solida utilizzando una garza oppure un piccolo torchio (consiglio di una persona in gamba) e poi imbottigliatelo e invasatelo in piccoli vasetti pronti all'uso. 

Consigli:

L'olio di Iperico è un ottimo rimedio contro ustioni ma è anche adatto per alleviare dolore e curare piccole ferite come tagli e sbucciature. Evitate di applicarlo se volete esporvi al sole in quanto ha un effetto abbronzante e se non viene spalmato bene può farvi prendere colore a macchie. Inoltre ha innumerevoli altri benefici e può essere impiegato in tante altre situazioni ma per questo vi invito ad utilizzare il caro amico Google che vi saprà dare molte più informazioni. 

Spero che questo antico rimedio naturale possa regalarvi quella magnifica sensazione che solo un prodotto derivato dall'attesa, dal rimboccarsi le maniche e dalla contemplazione di quanto la natura sia speciale e perfetta, può dare. 

A presto. 

Mario

Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis