Passa ai contenuti principali

CHI-MOKU: La versione "ecologica" del chi-ishi, per il condizionamento del corpo.

CHI-MOKU:
La versione "ecologica" del chi-ishi, per il condizionamento del corpo.

Cari lettori oggi voglio parlarvi di questo attrezzo per la pratica dell' hojo undo, che in italiano possiamo tradurre in esercizi di rafforzamento. Ad Okinawa la pratica di questi esercizi è comune in quasi ogni dojo e oggi grazie alla ricerca di diversi amanti del "karate tradizionale" sta ritrovando la meritata importanza anche al di fuori dell'isola dove nacque l'arte marziale della mano vuota. In questo articolo però voglio nello specifico presentarvi uno strumento in particolare che è tra i più utilizzati in questa pratica. 

Il Chi-Ishi o "pietra della forza", è uno strumento dalla facile realizzazione e con il quale è possibile rafforzare e sviluppare la muscolatura della schiena, delle mani, dei polsi e delle gambe. In sostanza l'attrezzo è costituito da due componenti:
-un manico di legno;
-ed un peso tondo genericamente fatto di cemento.

Impugnando il manico di legno si eseguono delle torsioni delle braccia enfatizzando il movimento dei polsi e dei gomiti ed eseguendo delle leve che rinforzano la presa. In base alla preparazione del praticante il peso può variare e si può impugnare il manico più vicino al peso per fare meno fatica. Questo attrezzo inoltre è propedeutico anche per sviluppare i movimenti tipici dell'utilizzo delle armi del Kobudo oltre che delle tecniche del Karate a mano vuota. 

Originariamente questi attrezzi si potevano trovare in uso nella vita quotidiana sull'isola delle Ryukyu, nello specifico come macine per la lavorazione del cibo o come telai per la tessitura. 
 
La versione che io vi propongo oggi però come potete notare dal nome è diversa da quella più conosciuta. Ishi infatti significa cemento (pietra) mentre la parola moku rappresenta il legno. Proprio per questo motivo questa versione dello strumento è interamente realizzata in legno. Prima della scoperta del cemento infatti era molto difficile riuscire ad attaccare una pietra ad un pezzo di legno in modo resistente e quindi probabilmente i primi modelli di questo attrezzo venivano realizzati unicamente con questo materiale. 
 
Per la realizzazione di questo attrezzo mi sono affidato a tecniche naturali ed ecologiche (a parte un pizzico di colla a caldo che provvederò a sostituire con una colla naturale fatta in casa nelle prossime creazioni). Sia la tintura che la finitura infatti sono state realizzate con ingredienti completamente naturali. 
 
Foto scattata in fase di sviluppo
Prossimamente renderò possibile l'acquisto su richiesta di questo attrezzo, in modo singolo o in coppia, e tramite indicazioni precise potrò costruirli "su misura". Li potrete trovare in vendita su Etsy. 
 
Colgo l'occasione per augurarvi un buon 2018 anche se in ritardo. 
 
Grazie per l'attenzione e alla prossima. 
 


Commenti

Post popolari in questo blog

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale.

COMPRENDERE QUELLO CHE DICIAMO: l'importanza delle parole nella pratica dell'arte marziale. Con questo articolo che preciso subito non è frutto del mio lavoro ma che mi è stato concesso di pubblicare in questa sede da parte di Francesco in arte Karatesen, fondatore di  http://www.karatesen.it , intendo mettere a disposizione dei miei lettori questo, a mio avviso, molto importante lavoro che parla di una parola, un termine, che molti praticanti di karate (soprattutto coloro che vengono dallo stile Shotokan) utilizzano fin dai primi allenamenti ma che molto probabilmente non hanno nemmeno idea di che cosa significa o da che contesto deriva. Io sicuramente prima di essermi messo alla ricerca del significato di questo termine non sapevo quasi nulla sulla sua origine, sapevo solo che viene usato nel karate in diverse circostanze: si usa come saluto prima e dopo la lezione di karate, si usa come termine di consenso, per annuire e rispondere quando si è capito qualcosa ma anche

KARATE: TERMINI POCO CONOSCIUTI.

    PRATICHI KARATE? ECCO ALCUNI TERMINI DI CUI PROBABILMENTE NON HAI MAI SENTITO PARLARE. Ho il piacere di presentarvi parte della terminologia utilizzata durante la pratica nei dojo tradizionali sull'isola di Okinawa. Se vi interessa scoprire di più sulle origini del karate e se desiderate recarvi sull'isola giapponese per allenarvi sono sicuro che troverete utile questo lavoro. Non è la prima volta che mi appresto a scrivere di un tema che a mio avviso è molto importante per un praticante, e nel mio caso, un appassionato di arti marziali. Il tema in questione riguarda la “tradizione”, ovvero tutto quello che riguarda usi, costumi e valori che caratterizzano il patrimonio di una determinata cultura. Nel caso specifico del karate parliamo di cultura okinawense, ovvero quella sviluppatasi sull’isola di  Okinawa  che si trova nell’arcipelago delle Ryukyu in Giappone. Quando il karate

UNA LEZIONE DI VITA.

UNA LEZIONE DI VITA. Buonasera lettori, è con grande dolore e lacrime agli occhi che mi appresto a scrivere di una grande lezione che la vita mi ha riservato il giorno 6 marzo nel quale oltre alla febbre e l'ansia per la situazione che stiamo vivendo, ho potuto capire quanto sia importante ogni nostra azione nei confronti del mondo. Con questo scritto credo d voler dare una giustificazione ed un senso a quanto ho deciso di fare e di cui in parte provo sensi di colpa, ma intendo anche condividere una importante consapevolezza che ho maturato. Da circa un mese e mezzo io e la mia compagna avevamo deciso di adottare una femmina di Calopsite, una simpatica pappagallina con origini australiane, che era diventata "di troppo" in una famiglia nelle cerchie delle nostre conoscenze. Non avremmo mai voluto prendere un volatile in quanto contrari alle costrizioni nei confronti di una delle specie animali che maggiormente incarnano il concetto di libertà. Abbiamo decis